Outer space. Riflessioni sulla complessità di spazio e tempo

09/02/2015 - L’esplorazione dello Spazio è recentemente tornata alla ribalta dell’opinione pubblica. L’atterraggio della sonda Rosetta e del modulo Philae sulla cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko è uno dei simboli della volontà del genere umano di approfondire la conoscenza dell’Universo. Su un piano parallelo, esplorare le qualità fisiche e teoriche dello spazio diventa il punto di partenza per nuove pratiche progettuali. La luce nel vuoto si propaga a una velocità di circa 300.000 chilometri al secondo. La barriera della luce è la legge della fisica che definisce la separazione tra materia e luce. Light Barrier è un’installazione realizzata dallo studio coreano Kimchi and Chips, basata su fasci di luce che si muovono nello spazio espositivo. Si creano fantasmi sospesi nel vuoto, oggetti grafici in costante evoluzione nelle molteplici dimensioni del tempo. Light Barrier è una riflessione sul..
Continua a leggere su Archiportale.com