L’Architettura del mattone: il tempio di cremazione a Parma

07/03/2018 - Da una parte la città e la Via Emilia, dall'altra la campagna e l'abitato di Valera. Il Tempio di Cremazione di Paolo Zermani emerge all'interno del recinto, come un grande elemento basamentale, preceduto da due spazi coperti alle estremità, analoghi a sud e a nord, verso Valera e verso Parma. In quest'architettura la storia locale si lega all’uso del mattone faccia a vista, affrontando un topic comune nei secoli, il luogo funebre. Uno spirito profondamente rispettoso si respira nel recinto del complesso, con richiamo storico alle architetture sepolcrali delle antiche civiltà greco-romane che popolarono l’Italia. Il mattone che ricopre ogni superficie dagli esterni agli interni è un omaggio alla provincia parmense, dove la lavorazione dell’argilla è parte di una lunga tradizione, come ancora si scorge percorrendo la via Emilia tra i camini delle fornaci e stabilimenti più..
Continua a leggere su Archiportale.com