La rilettura di un complesso parrocchiale a 15 Km da Bergamo

01/10/2015 - In un comune isolato, situato a circa 15 Km da Bergamo, con una popolazione di 2.500 abitanti, in continua trasformazione urbana, sorge l'antico complesso parrocchiale di Botta di Sedrina, costruito nella prima metà del ‘900. Il progetto di CN10 architetti per la chiesa di Sant’Antonio Abate, avvia oggi una rilettura generale della struttura rimasta incompiuta e parte proprio dalla risistemazione della pavimentazione interna. E' nel 1933 che su progetto di Gianfranco Mazzoleni, il nucleo antico della chiesa seicentesca viene riposizionato e trasformato in un edificio dalle linee austere con un'unica navata e nartece a tre fornici in facciata. I lavori vengono completati tra gli anni ’40 e ’50. Negli anni '70 nuovi interventi riguardano l'adeguamento degli impianti e dello spazio liturgico, in conformità alle norme liturgiche del Concilio Vaticano II, che prevedono..
Continua a leggere su Archiportale.com