Intervista a Pietro Pellizzari, ideatore del progetto WikiRe-WikiCasa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo intervistato PIETRO PELLIZZARI, giovane fondatore del progetto WikiRe e del portale di annunci WikiCasa che potrete incontrare il 15 settembre 2015 al webinar GRATUITO “AGENTI IMMOBILIARI: DA INSERZIONISTI A PROTAGONISTI DEL WEB” su Webinarimmobiliare.com
CLICCA QUI per maggiori informazioni

Francesco Beraldo

Buongiorno Pietro, WikiCasa.it si pone come il portale degli agenti immobiliari, promuovendo solo inserzioni di soli agenti immobiliari abilitati. A cosa è dovuta tale scelta strategica?

Pietro Pellizzari

Questa scelta rispecchia la filosofia del progetto Wikire-WikiCasa: ridare centralità alla professionalità dell’agente immobiliare, sempre più svilita dai grandi portali immobiliari.

I principali portali italiani consentono ai privati di pubblicare gratuitamente, invitando il cliente a vendere o comprare un immobile da sé, senza bisogno di affidarsi ad un agente immobiliare..

Noi non siamo d’accordo: crediamo nel valore del servizio offerto dagli agenti immobiliari, per questo WikiCasa non accetta inserzioni provenienti da privati e da non agenti immobiliari.

Basta informazioni inaffidabili, dati mancanti, niente più valutazioni forfettarie effettuate dai portali, serve trasparenza e professionalità nel sistema per far ripartire il mercato.

Francesco Beraldo

Balza subito all’occhio la grafica del sito, un layout sicuramente innovativo rispetto ai classici portali. Come mai tale scelta? Avete tratto ispirazione dai nuovi grandi portali americani?

Pietro Pellizzari

Il progetto nasce da un’approfondita analisi sul settore degli annunci immobiliari nel web (la potete trovare qui) ed indubbiamente trae ispirazione dai grandi portali americani e non solo..

Il nostro obiettivo è offrire il meglio agli utenti che cercano casa sul web: ricerca su mappa e usabilità per i dispositivi mobile, ma soprattutto quantità e qualità in termini di annunci esposti.

 Francesco Beraldo

Chi c’è dietro al vostro progetto? Chi sono i maggiori azionisti? Come pensate di poter crescere?

Pietro Pellizzari

Ad oggi WikiRe é partecipata da Tree Real Estate, il gruppo che controlla le reti Gabetti, Professionecasa e Grimaldi, da Antlia, software house che si è occupata dello sviluppo tecnologico, da Digital Magics, incubatore digitale quotato all’AIM, e dal sottoscritto. A breve entrerà nel capitale un’altra tra le maggiori reti in Italia e ci sono diverse altre negoziazioni in corso.

Gli attuali azionisti hanno l’obiettivo di allargare la partecipazione al progetto dando la possibilità a tutti i professionisti dell’immobiliare di parteciparvi. L’obiettivo è quello di raccogliere capitale azionario da investire nel progetto.

Il progetto è rivolto a tutti gli agenti immobiliari indipendenti e non. E’ prevista una campagna di equity crowdfunding che consentirà ad ogni singolo agente, interessato al progetto, di diventare azionista di WikiRe.

Francesco Beraldo

Quale strategia commerciale state attuando? E quali obiettivi vi siete posti per il prossimo biennio?

Pietro Pellizzari

La piattaforma WikiRe MLS e il portale annunci WikiCasa sono entrambi gratuiti e lo saranno per i prossimi mesi, quindi invito tutti gli agenti immobiliari abilitati a registrarsi su www.wikire.it/register.

Gli agenti che diverranno soci avranno un canone di abbonamento scontato nel momento in cui il portale WikiCasa diventerà a pagamento, WikiRe MLS sarà invece gratuito.

Gli agenti con WikiRe e con WikiCasa non saranno semplici inserzionisti ma potranno diventare soci, veri protagonisti del progetto.

L’obiettivo è diventare nel giro di due anni il primo operatore sul mercato per qualità dei dati e tra i primi tre per traffico. E, naturalmente, miriamo nel medio-lungo termine a diventare il primo portale nazionale.

Vogliamo che anche in Italia si realizzi una situazione analoga a quella presente nei principali mercati anglosassoni, dove l’attenzione è sui contenuti, sulle informazioni, non sui contenitori e, di conseguenza, il valore va ai depositari dell’informazione, ovvero gli agenti immobiliari. s

Il valore nel web è rappresentato dai contenuti e non dai contenitori…che valore avrebbero i grandi portali senza le inserzioni degli agenti? Cosa accadrebbe se domani mattina tutti gli agenti immobiliari togliessero gli annunci dai Casa.it e Immobiliare.it per pubblicarli su WikiCasa.it? Ci guadagnerebbero o no?

Francesco Beraldo

WikiCasa è un portale che opera su piano nazionale, temete la concorrenza con i grandi big del mercato? Ad oggi, in un mercato che appare già ben delineato in cui spiccano grandi big consolidati, si sentiva la necessità di creare un altro portale immobiliare?

Pietro Pellizzari

I big player del mercato godono di una posizione di dominanza grazie agli investimenti che hanno fatto su di loro, negli anni, gli agenti immobiliari.

Ma gli agenti immobiliari sono stanchi di pagare sempre di più i portali che agevolano la disintermediazione e sviliscono la loro professionalità… facendo le valutazioni al posto loro e invitando il privato a bypassare l’agenzia e utilizzare direttamente il portale…è ora di cambiare!

Gli agenti vogliono continuare a subire le regole dettate dai grandi portali o vogliono finanziare la crescita di un progetto loro?

Gli agenti hanno due opzioni:

1. Investire in WikiRe- WikiCasa e dar vita ad un operatore di sistema che li rappresenti nel web e che sia allineato con i loro interessi

2. Lasciare in mano ai portali il predominio del web…andando così incontro a una riduzione del loro fatturato dettato dalla maggiore disintermediazione e ad un progressiva riduzione della marginalità causata dai costi crescenti degli abbonamenti.

Sul piatto c’è un progetto che crede nel ruolo degli agenti immobiliari nel sistema immobiliare… se gli agenti non crederanno con tutte le loro forze in un progetto di sistema perderanno sempre più business a favore dei portali…il web è allo stesso tempo una grande opportunità e una grande minaccia… qualcuno si ricorda che fine hanno fatto le agenzie di viaggio, fagocitate dai vari edreams, expedia, booking,…

Credo siano i grandi portali a dover temere noi, devono sapere che gli agenti immobiliari non sono polli da spennare ma professionisti qualificati che si possono organizzare.

VIDEO WikiRe