Il restauro e l’allestimento del Museo Bailo a Treviso

12/01/2016 - Destinato ad ospitare la collezione di arte moderna della città di Treviso, il Museo Bailo  ritrova finalmente una nuova bellezza. A firmare il progetto di restauro Studiomas architetti associati, che è intervenuto nella riorganizzazione distributiva e funzionale di tutto il complesso, nel consolidamento delle strutture, nella dotazione impiantistica, il restauro conservativo degli elementi originali e l’allestimento della collezione. Il museo nasce nella sede di un convento realizzato nel XIV secolo e ricostruito alla fine del XVI secolo. Nel 1871 viene demolita la chiesa annessa per costruire la biblioteca, e aprire come museo nel 1889. Nel 1944 un bombardamento ne distrugge la facciata e parte del chiostro Sud, ricostruiti nel 1952, ma con un'importante perdita degli apparati decorativi. Nel 2000 il museo chiude, e nel 2010 il Comune ottiene un finanziamento europeo per mettere in gara la progettazione del..
Continua a leggere su Archiportale.com