Guida alle detrazioni fiscali per l’acquisto di un montascale

 

Il montascale è un ausilio sanitario che permette alle persone con difficoltà motorie di poter salire o scendere le scale della propria casa o del proprio condominio senza dover rinunciare alla singola autonomia di ciascuno.

Per poter capire il loro funzionamento e l’adattabilità alla tua rampa di scale ti consiglio di visionare il catalogo dell’azienda Ceteco, dove trovi vari esempi per ogni abitazione.

I montascale sono tra i meccanismi più utilizzati per agevolare la vita delle persone con disabilità fisiche, e per questo motivo la loro installazione è stata inserita nella legge per l’eliminazione delle barriere architettoniche che prevede “la realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia adatta a favorire la mobilità interna ed esterna per le persone portatrici di handicap” ai sensi dell’art. 3, co. 3 della legge 104/1992.

Ne esistono di differenti tipologie a seconda delle necessità dell’utente finale, si va dagli impianti con poltroncina per il sollevamento di persone con una minima mobilità, agli impianti dotati di pedane per chi si sposta in carrozzina, puoi vedere un esempio di questi ultimi nella sezione dedicata ai montascale con piattaforma per anziani Ceteco, in cui si spiega la funzionalità e le modalità installative.

Per tutti questi impianti la normativa fiscale prevede che in sede di dichiarazione dei redditi sia possibile usufruire della detrazione del 50% per l’ acquisto del montascale. Ricordati che la dichiarazione si riferisce sempre all’anno prima rispetto all’anno in corso quindi è necessario conservare i documenti che ti serviranno e seguire delle piccole regole. Qui sotto puoi leggere una semplice guida per poter godere delle detrazioni, devi tener conto che la normativa fiscale è in continuo aggiornamento quindi ti suggerisco di consultare il CAF a te più vicino per restare sempre aggiornato sull’argomento.

Chi ha diritto alle detrazioni

La detrazione si applica al contribuente che possiede o detiene l’immobile, su cui viene installato il montascale, nello specifico:

Il contribuente che dichiara il reddito del fabbricato. Può essere sia il proprietario o l’ usufruttario.

Il nudo proprietario che non dichiara il reddito del fabbricato.

Il contribuente che possiede il fabbricato sia come comodato d’uso gratuito o sia in locazione. Una piccola precisazione: sia come inquilino e sia nel caso del comodato devi essere in possesso del contratto della casa registrato presso l’agenzia del territorio ed esibirlo in sede di dichiarazione.

Anche se sei un familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile puoi detrarre la spesa a patto che tu sia in grado di dimostrare che:

  • Sostieni le spese dell’impianto
  • Le fatture e i bonifici siano intestati a te medesimo

Documenti da presentare

Fattura o ricevuta fiscale che attesta l’acquisto del montascale intestata al disabile e / o al familiare che ha sostenuto l’acquisto per il disabile fiscalmente a carico
Bonifici bancari o postali in cui deve risultare chiaro e leggibile:

1. La causale del versamento

2. I dati fiscali sia del contribuente e sia della ditta o soggetto che riceve la somma.

Certificazione medica che attesta la disabilità oppure l’ autocertificazione nella quale il contribuente dichiara il possesso della disabilità ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/1992.

Controlla sempre che l’importo della fattura deve essere corrispondente all’importo del bonifico.

Il bonifico può essere pagato anche in modalità on – line.

Inoltre ricordati che la dichiarazione dei redditi e i documenti devono essere conservati per almeno 10 anni, lasso di tempo in cui l’Agenzia delle Entrate può chiederti chiarimenti.

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *