Ecco perché la copertura dell’Arena di Verona non si farà

23/07/2018 - Risale al primo febbraio 2017 l’annuncio del progetto vincitore insieme al secondo e terzo classificato del Concorso internazionale di idee lanciato nel 2016 dal Comune di Verona alla comunità internazionale di architetti ed ingegneri.   Degli 84 progetti presentati, quello dei tedeschi gmp Architekten in associazione con sbp (schlaich bergermann partner) aveva colto nel segno riuscendo a - riprendendo le parole scritte nel bando del concorso - «fare sintesi tra qualità e coerenza della soluzione architettonica funzionale e ambientale; reversibilità della soluzione proposta e compatibilità con le strutture dell’Arena; compatibilità con gli aspetti di sicurezza e capienza dell’Anfiteatro; tipologia dei materiali proposti; componente tecnologica degli impianti».   Il progetto prevedeva un anello perimetrale poggiato sul bordo superiore dell’Arena per raccogliere..
Continua a leggere su Archiportale.com