A Reggio Emilia il Tecnopolo per la ricerca industriale

07/11/2014 – Sono tornate 'a nuova vita' quest'anno, per mano dell'architetto Andrea Oliva, le ex “Officine Reggiane”, pietra miliare per la storia dell’industria della città di Reggio Emilia. Nate come fabbriche (Officine Righi) di materiale rotabile ferroviario e convertite, durante la prima guerra mondiale, per produrre cannoni e ogive per proiettili e, in seguito, velivoli da guerra, sono divenute ora Tecnopolo per la ricerca industriale. “Recuperare architettura industriale significa stabilire un rapporto con la conoscenza dei significati” spiega il progettista. “Ricerca e indagine diventano lo strumento per l’individuazione delle possibili trasformazioni future interpretando la rovina come un cantiere, come un edifico che nel suo deterioramento rivela le proprie regole compositive e costruttive. Dei luoghi e degli edifici dell’architettura industriale sono parte fondamentale i rumori delle lavorazioni,..
Continua a leggere su Archiportale.com